Apertura conto corrente in Tunisia

L’apertura conto corrente in Tunisia è un argomento che ritorna molto spesso nelle discussioni sul trasferimento dei pensionati italiani.
Ancora una volta é sicuramente necessario ripetere alcuni concetti fondamentali.

Apertura conto corrente in Tunisia
Il conto corrente in Tunisia

Poche semplici regole
per apertura conto corrente in Tunisia

a) Importo di apertura del conto corrente: di sicuro il conto, presso qualsiasi Banca, si apre anche con un importo pari a zero.
b) Del tutto errate e tendenziose le indicazioni che parlano di cifre minime, che saltano fuori non si sa bene da dove…
c) Per l’apertura del conto si deve semplicemente presentare il proprio Passaporto Italiano in regola, che certamente avrete idoneo all’ingresso in Tunisia.
d) Nel caso desideriate versare una somma iniziale, la valuta che potete usare sono gli Euro.
Senza dubbio per versare Euro è necessario ricordare una regola fondamentale.
Almeno l’importo che desiderate versare va dichiarato all’ingresso in Dogana, ottenendo una certificazione di regolare introduzione di valuta.

Precauzioni da adottare

Una questione abbastanza controversa sta emergendo in questi giorni.
Alcune Banche richiedono una nuova certificazione per aprire conti correnti agli stranieri.
Certamente nulla di drammatico se si ha un conto in Italia presso una Banca di fiducia.
Sarebbe necessario un estratto conto degli ultimi sei mesi, con una lettera di “presentazione” della Banca stessa.
Tuttavia, altre Banche non lo chiedono: consiglierei di procurarsi comunque questi documenti prima di arrivare in Tunisia.
Come si dice, “melius abundare quam deficere“!

Permesso di soggiorno e conto corrente bancario.

Ricordo che il conto corrente bancario è indispensabile per ottenere il permesso di soggiorno.
A questo riguardo, potete consultare questo articolo.
Troverete di sicuro tutte le altre informazioni che servono per ottenere il permesso di soggiorno.
Ricordo ancora una cosa che riguarda solo gli Italiani.
Il permesso vale per un anno la prima volta, due anni al rinnovo e quattro anni al secondo rinnovo, poi otto e così via.

5 pensieri riguardo “Apertura conto corrente in Tunisia

  • 24 Aprile 2019 in 9:26 AM
    Permalink

    sono un’impiegata ministeriale e, a ottobre 2020 vado in pensione, vorrei chiedervi un consiglio, per poter vivere da pensionata in Tunisia

    Quali città mi consigliate, tra quelle che ospitano più pensionati italiani, per non sentire troppo il distacco con il paese d’origine (faccio presente che amo il mare) –

    Ringrazio per la risposta che mi darete

    Risposta
    • 24 Aprile 2019 in 11:45 AM
      Permalink

      Grazie per il commento.
      Qualunque città della costa da Kelibia fino a Sousse offre buone possibilità di trasferimento.
      La maggior comunità di italiani è situata attorno ad Hammamet.

      Risposta
    • 27 Aprile 2019 in 1:11 PM
      Permalink

      Quando questo sito web era appena nato, su un noto blog, sono stato pesantemente insultato, perché sostenevo che per venire in Tunisia è meglio conoscere un poco di francese. Inoltre, dicevo che i pagamenti in Tunisia si fanno in dinari e solo in dinari. Anche che non ero sicuro che tutte le “agenzie” presenti in Tunisia fossero di assoluta trasparenza. A questo riguardo, avevo comunque invitato chi fosse in regola con le leggi e proponesse un trattamento equo per favorire l’emigrazione di pensionati italiani, a contattarmi per comparire su questo sito. Apriti cielo! Altri insulti! Chi sei per osare chiedere che le “agenzie” diano credito ad un imbecille come te?.
      Confucio diceva di sedersi sulla riva del fiume ed aspettare… ho seguito quell’insegnamento! Ora, questo sito è al 14° posto su Google in assoluto tra quelli che parlano dell’emigrazione in Tunisia e della vita in questa Nazione. Per le ricerche chiave su costo della vita, defiscalizzazione, pensionati in Tunisia e molte altre ricerche, compare in prima pagina di Google.
      Chissà perché adesso, coloro che mi hanno insultato, inseriscono commenti come quello sopra, e, notate bene, senza avermi prima in alcun modo avvertito di volersi fare pubblicità a mie spese… Sono soddisfattissimo di aver aspettato in riva al fiume…

      Risposta
    • 27 Aprile 2019 in 1:11 PM
      Permalink

      Quando questo sito web era appena nato, su un noto blog, sono stato pesantemente insultato, perché sostenevo che per venire in Tunisia è meglio conoscere un poco di francese. Inoltre, dicevo che i pagamenti in Tunisia si fanno in dinari e solo in dinari. Anche che non ero sicuro che tutte le “agenzie” presenti in Tunisia fossero di assoluta trasparenza. A questo riguardo, avevo comunque invitato chi fosse in regola con le leggi e proponesse un trattamento equo per favorire l’emigrazione di pensionati italiani, a contattarmi per comparire su questo sito. Apriti cielo! Altri insulti! Chi sei per osare chiedere che le “agenzie” diano credito ad un imbecille come te?.
      Confucio diceva di sedersi sulla riva del fiume ed aspettare… ho seguito quell’insegnamento! Ora, questo sito è al 14° posto su Google in assoluto tra quelli che parlano dell’emigrazione in Tunisia e della vita in questa Nazione. Per le ricerche chiave su costo della vita, defiscalizzazione, pensionati in Tunisia e molte altre ricerche, compare in prima pagina di Google.
      Chissà perché adesso, coloro che mi hanno insultato, inseriscono commenti come quello sopra, e, notate bene, senza avermi prima in alcun modo avvertito di volersi fare pubblicità a mie spese… Sono soddisfattissimo di aver aspettato in riva al fiume…

      Risposta
  • 27 Aprile 2019 in 1:14 PM
    Permalink

    Ho ricevuto stamane il seguente commento, del quale ovviamente conservo gelosamente l’originale:In risposta a nunzia.

    Io consiglio Hammamet perché è comoda per la vicinanza a Tunisi, aeroporto e Ambasciata, a Sousse e Monastir, ci sono circa 3500 italiani, e, non per ultimo, ci sono moltissimi studi di medici specialisti e cliniche.
    xxxx xxxx. Sono titolare dell’agenzia xxxxxx regolarmente registrata presso il Tribunale E la Finanza di Tunisi +216/xxxxxx

    Quando questo sito web era appena nato, su un noto blog, sono stato pesantemente insultato, perché sostenevo che per venire in Tunisia è meglio conoscere un poco di francese. Inoltre, dicevo che i pagamenti in Tunisia si fanno in dinari e solo in dinari. Anche che non ero sicuro che tutte le “agenzie” presenti in Tunisia fossero di assoluta trasparenza. A questo riguardo, avevo comunque invitato chi fosse in regola con le leggi e proponesse un trattamento equo per favorire l’emigrazione di pensionati italiani, a contattarmi per comparire su questo sito. Apriti cielo! Altri insulti! Chi sei per osare chiedere che le “agenzie” diano credito ad un imbecille come te?.
    Confucio diceva di sedersi sulla riva del fiume ed aspettare… ho seguito quell’insegnamento! Ora, questo sito è al 14° posto su Google in assoluto tra quelli che parlano dell’emigrazione in Tunisia e della vita in questa Nazione. Per le ricerche chiave su costo della vita, defiscalizzazione, pensionati in Tunisia e molte altre ricerche, compare in prima pagina di Google.
    Chissà perché adesso, coloro che mi hanno insultato, inseriscono commenti come quello sopra, e, notate bene, senza avermi prima in alcun modo avvertito di volersi fare pubblicità a mie spese… Sono soddisfattissimo di aver aspettato in riva al fiume…

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *