Stabilirsi in Tunisia: primi passi

Stabilirsi in Tunisia primi passi
Cosa fare dall’arrivo in Tunisia per stabilirsi

Le prime cose da fare per stabilirsi in Tunisia

Stabilirsi in Tunisia è abbastanza semplice, rispettando alcune linee guida essenziali.
Lo schema sopra, puramente orientativo, contiene le tappe obbligatorie da rispettare.
Vedremo di approfondirle una per volta.

Prima tappa

Affitto dell’appartamento in cui stabilirsi, stipula del contratto di locazione, registrazione del contratto.
La registrazione può essere effettuata presso la Municipalità ma anche presso alcuni supermercati.

Seconda tappa

Con il contratto d’affitto e il passaporto ci si reca in Banca, per aprire il Conto Corrente.
In questo modo si iniziano a ricevere i bonifici della pensione sul conto in Tunisia.
Dopo alcuni mesi di bonifici dall’Italia, si procede alla terza tappa.
Tenete presente che il visto “turistico”, che si ottiene all’ingresso in Tunisia, scade dopo 90 giorni.
Quando presenterete la domanda del permesso di soggiorno, vi verrà rilasciato al momento un provvisorio che vale 90 giorni.

Terza tappa

Sul permesso di soggiorno definitivo se ne sentono di tutti i colori.
Troverete qui a breve l’intervista con il Capo Ufficio Stranieri di Nabeul, per chiarire questo argomento.
Sono veramente stanco di leggere stupidaggini in giro!!!
Dovrete comunque rivolgervi all’Ufficio Stranieri competente per la vostra residenza.
Il permesso provvisorio che viene rilasciato, ha una durata nominale di tre mesi.
In realtà non scade fino all’ottenimento del permesso definitivo.
In caso di necessità viene rinnovato dal competente ufficio in attesa del definitivo.
Unico problema potrebbe essere il rifiuto alla concessione del permesso da parte dell’Ufficio stranieri centrale.
Vedremo quali precauzioni prendere per evitare questo rischio!

Quarta tappa

Nel frattempo potete, con il contratto di affitto, iscrivervi all’A.I.R.E.. L’iscrizione all’Albo degli Italiani residenti all’estero comporta la sospensione delle erogazioni previdenziali in Italia, salvo che per patologie e periodi determinati.
Conserverete il diritto di voto e il diritto al soccorso delle Autorità Italiane in caso di necessità.
Questo passo è tuttavia necessario per la defiscalizzazione della pensione.
Questo vantaggio è infatti legato alla provata residenza in Tunisia.
La residenza deve essere reale per almeno sei mesi ed un giorno, nel corso dei dodici mesi.
In caso contrario, i vantaggi fiscali andranno a decadere, assieme al permesso di soggiorno definitivo.

Quinta tappa

In contemporanea conviene quindi recarsi al Patronato che con una piccola somma di iscrizione, sbriga le pratiche per ottenere la pensione defiscalizzata in Tunisia.

Sesta tappa

Un vai e vieni presso l’Ufficio delle Finanze competente per territorio consente di chiudere la pratica pensionistica.
Dall’anno successivo, si pagheranno le tasse sul reddito in Tunisia.

Settima tappa

Di pari passo si può accedere alla convenzione per l’assistenza in Tunisia, con la documentazione del Patronato.
Si richiede all’A.S.L. in Italia ed all’I.N.P.S. la certificazione ITN/9, convenzione Italia-Tunisia.
La certificazione si consegna al C.N.A.M. (Caisse nationale d’assurance maladie) sul territorio di competenza.

Stabilirsi in Tunisia seguendo uno schema

Questo è lo schema da seguire: la burocrazia per pensionati italiani in Tunisia in sette linee essenziali.
Per stabilirsi in Tunisia sono passaggi obbligati, a meno di non voler essere obbligati ad uscire dal Paese ogni 90 giorni.

16 pensieri riguardo “Stabilirsi in Tunisia: primi passi

  • 7 Agosto 2018 in 8:51 PM
    Permalink

    volendo trasportare qualche scatolone con effetti personali dall italia in tunisia conviene portali direttamente con auto o affidarsi a qualcuno ? in dogana fanno aprire tutto o scatole a caso ? si paga qualcosa ? cosa e’ vietato importare? grazie per le risposte

    Risposta
    • 10 Agosto 2018 in 11:16 PM
      Permalink

      Nonostante non abbia conferma dell’identità di questo visitatore, questa domanda può interessare anche altri, quindi rispondo.
      Se si arriva per la prima volta, non si ha la possibilità di spedire nulla, a meno di non trovare un residente che effettui lo sdoganamento.
      Per quel che trasportate in auto, il controllo avviene in modo piuttosto approfondito, e non sono proprio rose e fiori. Senza dubbio è vietato introdurre alcoolici (pur sostanzialmente laica la Tunisia è sempre un paese musulmano).
      L’elettronica, specialmente se evidentemente nuova, attira molto l’attenzione.
      Vestiario e effetti personali in genere vengono controllati poco.
      Insomma, non è una cosa semplicissima, e spesso si finisce per sborsare qualcosa.
      Consiglio, appena arrivati, di cambiare una sommetta da euro a dinari (c’è il cambio in Dogana a La Goulette).
      Torneranno utili.
      Ricordatevi di dichiarare la somma in euro che avete con voi, per aprire un conto in Banca iniziale in euro dovete avere una dichiarazione doganale.

      Risposta
      • 17 Ottobre 2018 in 12:28 PM
        Permalink

        grazie della risposta , per quanto riguarda l identita le ho risposto tramite email ma forse ho sbagliato qualcosa , se cosi fosse me ne scuso e sono pronto a identificarmi , mi dica solo come , grazie

        Risposta
        • 17 Ottobre 2018 in 2:10 PM
          Permalink

          Nessun problema, ci mancherebbe, grazie!

          Risposta
        • 25 Febbraio 2019 in 10:07 PM
          Permalink

          Sono Domenico, non conosco nessuno qui in Tunisia.
          Vorrei farmi la tessera dell’ Inca di Tunisi. Risiedo però ancora in Italia. Sono un pensionato ex Inpdap, e vorrei trasferirmi nel vostro paese.
          Posso fare del volontariato presso la vostra sede Inca, tutti i giorni lavorativi, ho buona esperienza archivistica. Non chiedo moneta, solo un aiuto al mio trasferimento di residenza.

          Ciao Domenico. (la mia mail: giroattorno@yahoo.com)

          Risposta
  • 9 Agosto 2018 in 8:46 PM
    Permalink

    Salve esiste un sito internet ( sicuro) dove poter cercare appartamenti in affitto, per fami una idea dei prezzi e delle offerte.
    Grazie

    Risposta
    • 10 Agosto 2018 in 12:59 AM
      Permalink

      I siti più usati in Tunisia sono tayara.tn e https://house.jumia.com.tn
      Poi basta cercare Agenzie immobiliari per città della Tunisia
      Ovviamente i risultati possono essere più o meno veritieri, molti siti in Tunisia vengono aggiornati con molta calma, rimangono on-line anche annunci decisamente vecchi, ma per farsi un’idea possono andare…

      Risposta
  • 16 Febbraio 2019 in 11:09 AM
    Permalink

    Buongiorno, questo è il mio secondo commento e approfitto per inserire la mia mail per ricevere risposta se possibile ” giroattorno@yahoo.com

    Ringrazio per la piantina percorso dei 7 step necessari per chiedere la residenza in Tunisia.
    Sono Domenico pensionato Inpdap italiano che aspira al trasferimento residenziale in Tunisia.
    Domanda: è necessario avere il passaporto o basta la Carta d Identità Elettronica ( la cui emissione è iniziata in Italia il 1 Febbraio di questo mese) ?

    Grazie

    Risposta
    • 16 Febbraio 2019 in 11:30 AM
      Permalink

      Buongiorno Domenico!
      Grazie per il commento, la carta di identità è limitata ai tour organizzati, per entrare stabilmente in Tunisia è necessario il passaporto!

      Risposta
  • 27 Febbraio 2019 in 10:58 AM
    Permalink

    Buongiorno, ho postato diverse volte senza poter avere un dialogo continuativo pur avendo lasciato la mia mail non ho mai riscontrato attenzione al punto che l’ interesse mio per la Tunisia lentamente va scemando
    Fuori da questa chat vi sono negrieri e opportunisti… Chiedo se vi è un modo per essere assistiti dalla vostra struttura per i vari adempimenti occorrenti per risiedere in Tunisia.
    Cordiali saluti Domenico, la mia mail l’ ho lasciata già un paio di volte.
    Grazie

    Risposta
    • 27 Febbraio 2019 in 9:05 PM
      Permalink

      Grazie per il commento.
      Risposta privata.

      Risposta
  • 15 Ottobre 2019 in 10:13 AM
    Permalink

    Salve sono un nuovo iscritto Vorrei trasferirmi in Tunisia Quando andrò in pensione 2021?
    vorrei sapere se si ha diritto alla defiscalizzazione se si affitta una casa (ammobiliata)
    da settembre a maggio perché l’estate (giugno -settembre) li vorrei passare in italia
    senza dover pagare l’affitto per una casa vuouta
    grazie
    Gianluca

    Risposta
    • 15 Ottobre 2019 in 11:42 AM
      Permalink

      Grazie per l’iscrizione.
      Purtroppo devo deluderla, per ottenere il permesso di soggiorno in Tunisia necessita un contratto annuale.
      Poi deve risiedere in Tunisia per almeno 183 giorni (2021) anche non continuativi.

      Risposta
  • 26 Ottobre 2019 in 11:31 PM
    Permalink

    Buonasera sono italiana ho 1 figlio italo tunisino ,sono separata ,X varie ragioni 4 anni sono venuta in Tunisia e mi sono fermata senza richiedere il permesso di soggiorno,pensavo bastasse vivere con mio figlio nella sua casa di proprietà,nel frattempo mi è scaduto il passaporto italiano ,finalmente ora l ho ottenuto …volevo sapere a quanto corrisponde la multa che devo pagare x uscire dalla tunisia …ringrazio infinitamente!!!

    Risposta
    • 27 Ottobre 2019 in 9:59 AM
      Permalink

      Una risposta corretta è impossibile, bisogna verificare il visto d’ingresso e fare i conteggi sul periodo effettivo di permanenza in Tunisia senza permesso di soggiorno.
      Provi a contattare l’Ambasciata italiana a Tunisi, spiegando a loro la situazione.
      Potrebbe anche recarsi presso il più vicino ufficio stranieri, cospargendosi il capo di cenere, e chiedere a loro affidandosi al buon cuore del funzionario, dimostrando disponibilità, ma rischia l’espulsione dal Paese.
      Inoltre, se fossero 4 anni completi, la cifra temo sarebbe molto elevata.
      La sola cosa da evitare assolutamente è cercare di uscire dalla Tunisia senza aver risolto il problema: in teoria (anche se poi non capita), c’è l’arresto.
      La disposizione di legge sulla multa è questa, che si riferisce però a carta di soggiorno scaduta, quindi il suo caso è più grave:
      Vous prenez le risque de payer des amendes (300 tnd de frais de renouvellement de carte de séjour hors délai+20 à 40 tnd de pénalités par semaine de retard) . Risques d’expulsion!
      Quindi 52x4x20 = 4.160 Dinari (applicando la sanzione minima)

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *