Il Patronato INCA in Tunisia

Il Patronato INCA in Tunisia
Il Patronato InCA in Tunisia

I servizi del Patronato INCA

Il Patronato INCA in Tunisia si occupa dei problemi relativi alla defiscalizzazione ed al trasferimento della pensione in Tunisia.
Rivolgersi al Patronato INCA è la miglior soluzione per sbrigare le relative pratiche.
Potete contattare il Patronato attraverso questa pagina Facebook.
I servizi offerti dal Patronato

Il primo grande vantaggio è la cortesia e disponibilità del personale.
Pur essendo composto da Tunisini, parla tutto un ottimo Italiano.
Questo rende certamente più facile la comprensione delle pratiche da espletare.
In questo modo si potrà accedere rapidamente a numerosi vantaggi.
Il trasferimento della pensione in Tunisia, presso un vostro Conto Corrente, fin dai primi mesi di residenza.
Al termine del periodo di legge, di sei mesi ed un giorno, avviare la pratica per la defiscalizzazione.
In questo modo sarà possibile ricevere in Tunisia la pensione lorda e pagare quindi tasse ridotte.
Importante ricordare che questo servizio è offerto sia ai pensionati INPS che a quelli exINPDAP.

Servizio sanitario

Fatto questo, potrete aderire alla convenzione Italia – Tunisia per il servizio sanitario.

Le iniziative del Patronato INCA in Tunisia

Segnalo inoltre che il Patronato è attivo e presente nella tutela dei pensionati che si sono trasferiti.
Si organizzano incontri per i pensionati, con la partecipazione di rappresentanti dell’Ambasciata Italiana a Tunisi. Alcuni disagi potrebbero essere superati con una miglior collaborazione tra autorità Italiane e Tunisine, come, ad esempio, i tempi “biblici” per l’ottenimento del permesso di soggiorno in Tunisia.
Se questo articolo vi ha interessato, datemi un “like”, grazie!

Il Patronato INCA in Tunisia si trova facilmente

Raggiungere la sede di Tunisi dell’INCA è molto semplice!
Con il treno, scendendo alla stazione centrale di Tunisi, basta uscire e percorrere pochi metri alla vostra sinistra.
Tuttavia, anche con altri mezzi piazza Mongi Bali è facile da raggiungere, al centro di Tunisi.

Il Patronato e la tutela degli Italiani pensionati

Una importante tutela è anche offerta a chi, non avendo punti di riferimento in Tunisia, voglia trasferirsi da pensionato.
Sono molti infatti i casi di Agenzie, più o meno regolari, che approfittano dell’imbarazzo dei pensionati che si trasferiscono.
Offrono il disbrigo di varie formalità e un aiuto nella ricerca dell’abitazione, ma non sempre in maniera trasparente e corretta.
Di sicuro ne esistono di serie, ma un appoggio per controllare le loro referenze può essere molto utile.

33 pensieri riguardo “Il Patronato INCA in Tunisia

    • 8 Ottobre 2018 in 2:47 PM
      Permalink

      Grazie, cerco di fare del mio meglio!

      Risposta
    • 17 Ottobre 2018 in 2:10 PM
      Permalink

      Grazie, quando possibile…

      Risposta
  • 5 Novembre 2018 in 9:32 AM
    Permalink

    Ha un costo l’iscrizione al Patronato?

    Risposta
    • 5 Novembre 2018 in 11:02 AM
      Permalink

      Sì, ha un costo ma ridicolo.
      Grazie per il commento!
      Colgo l’occasione per ricordare a tutti coloro che vogliono iscriversi al blog, che l’email con cui ci si iscrive va verificata!
      Dato che non avete mai ricevuto messaggi dall’indirizzo email del blog ‘tunisiapervoi‘, controllate nella posta indesiderata se non trovate la email con l’autenticazione!

      Risposta
        • 8 Gennaio 2019 in 8:09 PM
          Permalink

          Guardi che è semplicissimo, l’unica cosa da fare è l’autentica presso lo stato civile dove si risiede in Tunisia.

          Risposta
    • 17 Aprile 2019 in 11:49 AM
      Permalink

      Ci sono sconti per gli iscritti alla CGIL?

      Risposta
      • 17 Aprile 2019 in 4:47 PM
        Permalink

        La CGIL a quanto pare non sostiene più economicamente l’INCA, che per finanziarsi richiedere un’iscrizione di 50 Dinari all’anno, cifra irrisoria che non penso possa essere scontata (parliamo di meno di 15 €…)

        Risposta
  • 16 Gennaio 2019 in 6:55 PM
    Permalink

    Grazie verrò presto da voi

    Risposta
  • 17 Gennaio 2019 in 12:39 PM
    Permalink

    Buongiorno ,sono da due settimane in Tunisia , e voglio trasferirmi essendo pensionato ex INPDAP. È utile sapere che ci siete è certo presto a trovarvi.

    Risposta
    • 27 Settembre 2019 in 12:35 PM
      Permalink

      Salve inizio ottobre sarò in Tunisia volevo delle delucidazioni per trasferimento sono pensionato ex INPDAp
      Ciro Bucci

      Risposta
    • 26 Gennaio 2019 in 7:04 PM
      Permalink

      Cerco di fare del mio meglio, grazie!

      Risposta
  • 6 Febbraio 2019 in 9:49 AM
    Permalink

    Buongiorno, è possibile conoscere il costo per il disbrigo delle formalità per ottenere la residenza e la defiscalizzazione, grazie?

    Risposta
    • 6 Febbraio 2019 in 9:57 AM
      Permalink

      Grazie per il commento.
      Cosa intende esattamente?
      Comunque Le rispondo privatamente.

      Risposta
  • 11 Febbraio 2019 in 10:26 AM
    Permalink

    buongiorno
    sono appena andato in pensione inpdp.
    Mi piacerebbe traferirmi in tunisia sia per gli effetti della pensione lorda, sia come base di appoggio per girare in alcuni paesi europei , portogallo, canarie, spagna.
    Non essendoci mai stato però , mi piacerebbe sapere come è il rapporto sociale fra popolo tunisino e italiani.
    Premesso che conosco solo l’italiano c’è la possibilità di capirci con i locali.
    grazie per la risposta

    Risposta
    • 11 Febbraio 2019 in 12:08 PM
      Permalink

      Grazie per il commento.
      La Tunisia è un paese molto più tranquillo di quel che si sente dire, ma Tunisi non è la città più tranquilla e godibile.
      Rispettando i termini del permesso di soggiorno, potrebbe fare quel che meglio desidera.
      Tuttavia personalmente non mi sento di consigliare la Tunisia a chi non parla neppure un francese di base.
      Altri la pensano diversamente, per poter gabbare i pensionati italiani che si vogliono trasferire.
      Questa è la mia idea in proposito.
      Poi ognuno fa le sue scelte, saluti.

      Risposta
  • 11 Febbraio 2019 in 10:46 AM
    Permalink

    buongiorno
    vorrei trasferirmi in tunisia , sono un pensionato fresco INPDP, e mi piacerebbe avere sede fissa a tunisi in modo tale da avere la pensione lorda e poter girare paesi europei come spagna , portogallo e canarie etcc..
    insomma godermi gli ultimi anni di vita dopo 43 anni di contributi girando l’europa.
    le mie domande sono:
    – è un paese tranquillo per viverci?
    – uno che conosce solo l’italiano può farcela a comunicare con i locali
    – si può andare in vacanza in altri paesi quando si vuole e tornare quando si vuole.
    mille grazie per la risposta

    Risposta
    • 11 Febbraio 2019 in 12:08 PM
      Permalink

      Grazie per il commento.
      La Tunisia è un paese molto più tranquillo di quel che si sente dire, ma Tunisi non è la città più tranquilla e godibile.
      Rispettando i termini del permesso di soggiorno, potrebbe fare quel che meglio desidera.
      Tuttavia personalmente non mi sento di consigliare la Tunisia a chi non parla neppure un francese di base.
      Altri la pensano diversamente, per poter gabbare i pensionati italiani che si vogliono trasferire.
      Questa è la mia idea in proposito.
      Poi ognuno fa le sue scelte, saluti.

      Risposta
  • 11 Febbraio 2019 in 2:02 PM
    Permalink

    piu’ leggo e piu’ mi convinco che è un ottimo sito di aiuto per i dubbi che ovviamente uno ha ! .
    Complimenti e continuate cosi !

    Risposta
    • 11 Febbraio 2019 in 6:48 PM
      Permalink

      Grazie, facciamo il possibile! Condivida i nostri articoli sui social (Facebook Twitter eccetera), è un servizio del tutto gratuito, almeno la soddisfazione delle visite ci fa piacere!

      Risposta
  • 15 Febbraio 2019 in 2:13 PM
    Permalink

    Sono da sempre iscritto alla CGIL fatemi sapere quanto debbo x iscrivermi al vs CAF

    Risposta
    • 15 Febbraio 2019 in 5:53 PM
      Permalink

      Grazie per il commento, ma questo sito NON è dell’INCA, ne parlo come riferimento, mi contatti con l’apposito modulo o si rivolga all’INCA di Tunisi direttamente!

      Risposta
  • 20 Giugno 2019 in 2:50 PM
    Permalink

    vorrei sapere quanto costerebbe l’affitto mensile di un bilocale nuovo (cioe’ mai abitato) ad Hammamet: io sono “Single” e, essendo prossima alla Pensione (forse tra un anno), vorrei chiedere
    informazioni per sapere se si puo’ affittare gia’ in anticipo un appartamento li’ per ritrovarselo quando uno ha deciso di abitare stabilmente li’ (credo dopo che siano passati i famosi sei mesi e un giorno per avere la Residenza ). Magari lo userei come punto di appoggio per vacanze , allo scopo di sondare il terreno su tutte le cose che dovrei sapere prima di prendere la decisione di stabilirmi in Tunisia.
    In questo caso, i giorni di vacanza in cui ci andrei, verrebbero conteggiati come i regolari 184 giorni
    (anche se non continuativi, ma distribuiti nel corso di un anno) per ottenere subito dopo la Residenza,
    a partire dalla quale si avranno tutti i vantaggi relativi alla defiscalizzazione della Pensione: E’ cosi’?
    Pensione?

    Risposta
    • 20 Giugno 2019 in 4:21 PM
      Permalink

      Grazie per il commento signora.
      Di certo è possibile affittare un appartamento anche prima di un trasferimento definitivo. I prezzi tuttavia variano molto, in base al quartiere e all’allestimento da lei desiderato. Comunque penso che la questione della residenza vada chiarita: i 183/184 giorni decorrono dalla domanda di residenza, non da una permanenza fatta solo per vacanze. Se si inizia l’iter, poi anche i giorni passati in Tunisia saltuariamente iniziano a contare, ma devono essere completati entro 365 o 366 giorni. Quindi è una decisione da prendere al momento di affittare. Se desidera ulteriori chiarimenti, mi contatti pure via email. Cordiali saluti.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *